Come produrre energia elettrica dal legno. Legno, energia e sostenibilità

La sostenibilità e la produzione di energia dal legno

Al giorno d’oggi tutti parlano di sostenibilità ambientale.

Questa parola è stata usata per la prima volta in ambito forestale circa 300 anni fa. I forestali scoprirono che l’utilizzo a lungo termine delle foreste era garantito solo quando il volume del legno tagliato non superava quello del legno in accrescimento.

Fino a oggi forestali hanno portato avanti questa pratica con successo: in Austria le riserve di legno sono cresciute di circa il 40% dal 1980. In Austria l’industria del legname da lavoro a circa 300.000 persone crea 12 miliardi di euro di valore della produzione.

Il turismo e il settore forestale è secondo più importante produttore di valuta estera e la maggiore fonte di energia scala domestica un ettaro di foresta che equivale un’area di 100 × 100 m fornisce 9 m come di legno l’anno.

Contemporaneamente filtra l’aria producendo sufficiente ossigeno per 35 persone ogni giorno e c’è 1 foresta in salute assicura regimazione delle acque e protezione da valanghe e frane svolge la funzione turistico ricreativa che ospita numerose specie di animali proprio come la foresta e legna molte funzioni e può essere usato in vari modi

Quando l’albero viene tagliato elenco destinato a tre tipologie di prodotti: la parte più pregiata è costituita da tronchi diritti e composti da nodi, ed è destinata alle segherie. Le porzioni di tronco di qualità inferiore sono destinate all’industria del pannello e della carta, e in alternativa sono destinati alla produzione di legna da ardere e cippato ad uso energetico anche le parti di tronchi storti o danneggiate e tronchi di specie poco pregiate sono usate a scopo energetico.

Durante la lavorazione del legno a livello industriale si elimina la corteccia e dei tronchi vengono tavoli. Questo processo produce grandi quantità di segatura e residui che possono essere impiegati nell’industria o come fonte energetica anche l’industria del pannello della carta produce residui il complesso ogni fase dell’utilizzo a cascata del legno genera sempre più scarti legnosi anche la trasformazione di tavoli pannelli ad esempio in travi e mobili produce una grande quantità di residui legnosi.

Tutti questi residui sono impiegati per produrre energia sia in grandi impianti industriali sia come legna da ardere cippato o pellet commerciali quest’effetto è spiegato dal seguente esempio: una moderna casa in legno arredata con mobili di legno può essere riscaldata per settant’anni usando solo i residui della lavorazione del legname destinato alla sua costruzione così la casa nell’arco del suo ciclo di vita evita le emissioni in atmosfera di 140 t di CO2 la stessa quantità che mettono automobili in cinquant’anni alla fine del suo ciclo di vita di legno con cui è costruita la casa può ancora essere usato per produrre energia quindi la gestione forestale a scopo produttivo va bene all’economia crea posti di lavoro che produce benefici ambientali.

Alla base di tutto questo c’è la gestione sostenibile dei boschi da parte dei forestali delle imprese boschive dopotutto raccolgono ciò che hanno piantato i loro antenati proprio come loro nipoti raccoglieranno ciò è stato piantato dalla generazione precedente questo principio di sostenibilità praticato per secoli assicura che le foreste possono produrre legno vergine per sempre il buon calore è rinnovabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *